News Sanità – Pigozzo (Pd) : “West Nile, la Regione non abbandoni i Comuni di fronte all’emergenza. Finanzi e coordini tutte le azioni di prevenzione e contrasto”

Sanità – Pigozzo (Pd) : “West Nile, la Regione non abbandoni i Comuni di fronte all’emergenza. Finanzi e coordini tutte le azioni di prevenzione e contrasto”

(Arv) Venezia, 31 ago. 2018 – “Il problema della West Nile è stato a lungo sottovalutato. Adesso che siamo in emergenza la Regione batta un colpo: per le azioni di prevenzione e contrasto serve una regia unica, non si possono lasciare soli i Comuni. Occorrono interventi coordinati, che abbiano carattere strutturale e non straordinario, che coinvolgano non solo le amministrazioni locali venete ma anche le altre Regioni dove si è manifestata l’infezione”. Questa la richiesta contenuta in una mozione del gruppo consiliare del Partito Democratico, primo firmatario Bruno Pigozzo. “Nel 2018 il virus è stato particolarmente aggressivo, con ben otto vittime e 132 persone infettate con una diffusione in tutte le province, a esclusione di Belluno. Ma è assai probabile che le dimensioni reali del contagio siano più ampie. Il Veneto è stato colto di sorpresa, nonostante la West Nile non sia una novità: i primi casi risalgono ormai a dieci anni fa. Nonostante ciò la Giunta si è mossa in ritardo, abbandonando al proprio destino i Comuni, specie quelli più piccoli, che non hanno le risorse necessarie per effettuare un’azione di disinfestazione in proprio, che sia efficace e continuata nel tempo. Inoltre interventi a macchia di leopardo, senza una regia, rischiano di essere soltanto uno spreco di soldi. I fondi per la prevenzione e contrasto devono essere stanziati nel bilancio regionale, non siamo di fronte a un fatto eccezionale e non possiamo farci trovare impreparati. Dopo i numerosi allarmi – ricorda Pigozzo – solo il 24 agosto l’assessorato alla Sanità ha annunciato un Piano straordinario di disinfestazione a tappeto, che potrebbe partire a inizio settembre. Finalmente è arrivata un’assunzione di responsabilità, tuttavia un intervento straordinario a fine estate non può essere risolutivo”. Da qui il sollecito del gruppo dem, per l’istituzione di “una cabina di regia presso l’assessorato regionale alla Sanità e il finanziamento di azioni di disinfestazione da svolgere in collaborazione con i Comuni veneti, coordinando tempi e metodologie ed armonizzando le proprie iniziative con le altre Regioni italiane coinvolte dallo stesso problema” come spiega una nota del gruppo Pd.

Fonte: www.consiglioveneto.it