News Politica – Pigozzo (PD): “Erp a Venezia: avevamo ragione: bisogna modificare presto il regolamento per evitare un pesante impatto sociale”

Politica – Pigozzo (PD): “Erp a Venezia: avevamo ragione: bisogna modificare presto il regolamento per evitare un pesante impatto sociale”

(Arv) Venezia, 4 lug. 2019 –     “Ater e Comune di Venezia hanno confermato le nostre preoccupazioni: occorre modificare il nuovo regolamento degli alloggi Erp per disinnescare una vera e propria bomba sociale, con centinaia di famiglie a rischio sfratto in quanto il loro Isee supera la soglia di 20mila euro”. L’ha ribadito oggi il consigliere del Partito Democratico Bruno Pigozzo durante l’audizione in II commissione del presidente dell’Ater Venezia, Raffaele Speranzon e dell’assessore alla Casa del capoluogo, la vicesindaco Colle insieme all’assessore regionale Lanzarin. “Avevamo chiesto da tempo questo incontro e già a febbraio, in seguito a numerose segnalazioni, avevamo sollevato la questione alla Giunta con una interrogazione: il regolamento sta creando  contraccolpi negativi e situazioni critiche, da noi già profetizzate sia in aula che in Commissione. Doveva essere riconosciuta la particolarità di Venezia, dove l’età media degli inquilini è di 67 anni. Ci sono contratti vecchi di mezzo secolo e i nuclei che superano la soglia Isee dei 20mila euro sono oltre 400. Durante l’incontro i rappresentanti di Ater e Comune hanno rilanciato il nostro allarme, evidenziando la necessità di ridefinire al più presto i parametri, adeguandoli alla situazione specifica della città. Abbiamo dei dati oggettivi, il costo di gestione degli alloggi e delle manutenzioni è superiore del 40 per cento rispetto agli standard delle altre città. Il tavolo tecnico costituito con il regolamento e composto da Regione, Comune, Università di Venezia e rappresentanti degli inquilini non ha però ancora cominciato a lavorare, è stato convocato per il 17 luglio. Ci auguriamo che quanto prima si arrivi a una proposta di modifica da poter esaminare in Commissione e girare quindi alla Giunta. Nel corso della riunione odierna – aggiunge il vicepresidente del Consiglio regionale – sono emerse anche formule innovative per la gestione degli immobili, in collaborazione con l’Esu di Venezia, per ottimizzare il loro utilizzo e magari trasformare parte degli alloggi Erp in case per studenti. In ogni caso – conclude Pigozzo – dobbiamo fare di tutto e in fretta per evitare un nuovo dramma sociale”.

Fonte: www.consiglioveneto.it