News Zottis e Pigozzo (PD): “Anche Venezia nel Coordinamento dei sindaci del litorale. Il futuro passa dalle aree omogenee: aggregazioni utili per attrarre fondi europei e creare ricchezza”

Zottis e Pigozzo (PD): “Anche Venezia nel Coordinamento dei sindaci del litorale. Il futuro passa dalle aree omogenee: aggregazioni utili per attrarre fondi europei e creare ricchezza”

(Arv) Venezia, 1 febb. 2017 – “Ci sarà anche Venezia nel Coordinamento dei Sindaci del litorale istituito dalla Legge di stabilità: oggi abbiamo dato il via libera in modo unanime in Prima commissione. Si tratta dell’inizio di una nuova sfida nata dalla ferma volontà dei Sindaci che da qualche anno ha creato unione tra realtà territoriali che condividono bisogni ed obiettivi che vanno oltre la difesa del proprio Comune e dei confini istituzionali”.

Ad affermarlo, in una nota, sono i Consiglieri regionali del Partito Democratico Bruno Pigozzo e Francesca Zottis. “Auspichiamo che questo accordo possa essere da esempio. Dobbiamo ringraziare – sottolineano i due esponenti democratici – tutto il Consiglio per la comunanza di intenti dimostrata con un voto unanime e reale collaborazione. L’area del litorale veneto rappresenta, in termini numerici, una reale sfida europea di cui essere orgogliosi. È un primo passo che deve essere di stimolo a tutti i rappresentanti istituzionali, in primis alla Città metropolitana affinché assuma un ruolo da protagonista, e anche alle zone in difficoltà come il Bellunese o le aree termali. Pensiamo che questo strumento sia utile per avviare il disegno di un ‘nuovo Veneto’ con realtà omogenee che sono in potenza forze sociali, culturali ed economiche e in grado di creare ricchezza. Sta a noi riuscire ad andare oltre i confini prestabiliti e dimostrare che siamo capaci di cogliere una delle sfide che l’Europa ci ha lanciato da qualche anno. Una delle basi per ottenere fondi europei, infatti, è l’aggregazione e produrre ricchezza attraverso l’unione. Il Veneto con questo atto dimostra di avere consapevolezza che il futuro va ricostruito ripartendo dalle potenzialità territoriali esistenti che non siamo riusciti sempre ad incentivare a sufficienza”.

“Questa innovativa aggregazione – concludono Pigozzo e Zottis – è l’occasione per dimostrare che con una progettualità concreta ed omogenea e una sinergia tra Regione e Città metropolitana è possibile raggiungere una reale efficienza di spesa ed efficacia di risultati”.

Fonte: www.consiglioveneto.it