News Università – Il Vicepresidente Bruno Pigozzo alla cerimonia di consegna delle lauree di Ca’ Foscari rinnova agli studenti un messaggio di fiducia e speranza per il futuro.

Università – Il Vicepresidente Bruno Pigozzo alla cerimonia di consegna delle lauree di Ca’ Foscari rinnova agli studenti un messaggio di fiducia e speranza per il futuro.

(Arv) Venezia 27 apr. 2018 – “Nel porgere il saluto del Consiglio regionale a tutti i presenti qui convenuti, alle autorità, al corpo docente e agli studenti, voglio rappresentare la vicinanza dell’Assemblea legislativa veneta al mondo accademico e in particolare agli studenti che oggi, con la consegna delle lauree, possono compiere il passaggio dal mondo universitario a quello delle realtà economiche, produttive e professionali della nostra terra, e non solo della nostra terra”. Con queste frasi, il Vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Bruno Pigozzo ha preso oggi la parola in piazza San Marco, a Venezia, in occasione della cerimonia di conferimento delle lauree agli studenti dell’Università Ca’ Foscari. “Anche in questa circostanza voglio ribadire il ruolo fondamentale svolto dall’ateneo per la crescita e lo sviluppo di Venezia e per il rinnovamento culturale, sociale ed economico del Veneto. Dovere dell’Assemblea legislativa che qui rappresento, è di ascoltare e di accompagnare le Istituzioni universitarie affinché siano messe nelle condizioni di giocare fino in fondo questo ruolo, strategico per la nostra Regione. Ma è nostro dovere oggi rinnovare agli studenti un messaggio di fiducia e speranza per il futuro – ha aggiunto il Vicepresidente – in particolare in giornate come queste: dal recente 25 Aprile in cui abbiamo celebrato il riscatto nazionale, la caduta dei regimi e la liberazione dai gioghi dell’occupazione straniera, il recupero dell’orgoglio e dell’unità del paese (e in questo periodo ne abbiamo molto bisogno), al prossimo 1° Maggio Festa del Lavoro, un lavoro che, pur nella lenta ripresa economica, spesso manca, non è adeguato, non è aggiornato, non è in sicurezza, ma che può ricevere nuovo impulso se orientato all’innovazione digitale delle imprese. E qui un messaggio di fiducia e speranza arriva da un pioniere dell’innovazione, il professor Faggin, un fisico di fama mondiale, l’inventore del microchip, che come Consiglio regionale abbiamo insignito del Premio Leone del Veneto nel 2016. Faggin, presente oggi a Venezia alla cerimonia di consegna delle lauree, è un veneto che qui si è formato e che rappresenta uno dei massimi livelli raggiunti nel campo della ricerca scientifica. Grazie a lui possiamo ben testimoniare l’importanza e il livello dei nostri istituti scolastici e dei nostri atenei”. “La prima cosa importante che ho imparato – ha commentato a margine della cerimonia il professor Federico Faggin – è stato il momento in cui ho capito che, invece di pensare a ciò che avevo fatto, dovevo pensare a cosa non avevo fatto, cioè a quando avrei dovuto agire e non ho agito: quello mi ha creato molti più problemi di quando ho agito soltanto. Capire l’importanza di agire quando bisogna agire e di non agire quando non occorre agire: è questo il messaggio che, alla luce della mia esperienza, intendo trasmettere agli studenti in questa occasione”.

Fonte: www.consiglioveneto.it