News Politica – Approvate le mozioni di Pigozzo (Pd) per sbloccare gli accreditamenti per le strutture per persone con disabilità e di Ruzzante (Art.1 MDP) per sostenere l’abolizione nazionale del superticket
consiglio-regionale-veneto

Politica – Approvate le mozioni di Pigozzo (Pd) per sbloccare gli accreditamenti per le strutture per persone con disabilità e di Ruzzante (Art.1 MDP) per sostenere l’abolizione nazionale del superticket

(Arv) Venezia 28 nov. 2017 – Il Consiglio regionale al termine di una giornata intensa di dibattito ha affrontato due mozioni, la prima presentata dai consiglieri Pigozzo, Sinigaglia, Fracasso, Azzalin, Moretti, Salemi, Zottis, Zanoni (Pd) dal titolo “Accesso alle strutture socio-sanitarie per persone con disabilità, anziani, minori: è urgente sbloccare gli accreditamenti”. La mozione è stata presentata da Bruno Pigozzo (Pd) che ha notato come nel 2016 con due delibere la Giunta regionale aveva decretato il blocco degli accreditamenti in attesa di stabilire il nuovo quadro uscito dopo la riforma della sanità per cui oggi si pone l’urgenza dello sblocco degli accreditamenti. Al relatore ha replicato l’assessore Lanzarin la quale ha assicurato che ormai è in corso una ricognizione definitiva a cui seguirà a breve lo sblocco delle accreditamenti. La mozione Pigozzo è stata approvata. La seconda mozione discussa è stata quella presentata dal Consigliere Ruzzante relativa a “La Giunta intervenga presso il governo per favorire l’abolizione del superticket già dalla prossima legge di bilancio”.

Il Consigliere Piero Ruzzante (Articolo 1 –MDP) ha ricordato che in Commissione Bilancio in Parlamento, proprio in questi giorni, è stata approvata una mozione analoga mentre il tema sta investendo migliaia di cittadini “i quali riducono le forme di utilizzo delle cure e non accedono alle prestazioni sanitarie pubbliche” A Ruzzante ha replicato l’assessore Coletto che si è detto completamente d’accordo nell’eliminazione del superticket rammentando la genesi di questo strumento, “originariamente introdotto dal governo Prodi”. Nel dibattito è intervenuto anche il consigliere Claudio Sinigaglia (Pd) che ha sottolineato il complesso dei forti risparmi tesi a garantire l’universalità del sistema sanitario nel paese.

Fonte: www.consiglioveneto.it