News Pigozzo (Vicepres. Consiglio veneto): “Sgravio del Patto di Stabilità per i Comuni colpiti
pigozzo-tornado-veneto

Pigozzo (Vicepres. Consiglio veneto): “Sgravio del Patto di Stabilità per i Comuni colpiti

Il vice-presidente del Consiglio Regionale del Veneto, Bruno Pigozzo, ha visitato stamane le zone colpite dalla tromba d’aria che nel pomeriggio di ieri ha devastato ampie zone della Riviera del Brenta.

“Proprio ieri pomeriggio mi trovavo nella zona”, ha detto Pigozzo, “ed onestamente devo dire da testimone oculare che quello che si è abbattuto su Dolo e sulla zona contigua è stato un cataclisma breve e intensissimo, di rara forza distruttiva. Oggi ci sono ritornato e mi sono trovato di fronte ad uno scenario drammatico”. Durante il sopralluogo, Pigozzo ha incontrato il sindaco di Pianiga, Massimo Calzavara e il primo cittadino di Dolo, Alberto Polo, e ha registrato dalla loro viva voce che la situazione d’emergenza è sicuramente ben governata, e pare che sia evitato il rischio per le famiglie di dover essere ospitate in emergenza al di fuori delle proprie abitazioni.

“Devo dire che la Protezione civile e i Vigili del fuoco hanno lavorato da subito per assicurare la normale viabilità e per mettere in sicurezza case ed edifici pubblici”, ha affermato il vice-presidente che, forte dell’esperienza che ha avuto nell’affrontare situazioni di calamità quando era sindaco di Salzano (alla fine degli anni ’90), ha poi dato un “consiglio” agli amministratori locali: “Suggerisco di chiedere subito alla Giunta regionale di avere un autorevole referente tecnico che chiarisca subito agli Enti locali quali siano le procedure corrette per realizzare una ricognizione dei danni, in modo tale da poter accedere velocemente e senza intoppi ai fondi che saranno sicuramente stanziati per affrontare la calamità”.

Pigozzo ha così concluso: “Immagino che Luca Zaia chiederà subito lo stato di calamità per il territorio colpito, ma io – e in questo ho il totale appoggio di Alessandra Moretti e di tutto il gruppo Pd – voglio avanzare una proposta ulteriore: deve essere chiesto lo sgravio del Patto di Stabilità per i comuni che si troveranno a dover fare interventi urgenti e non differibili su manufatti pubblici, strade e alberature. Solo in questo modo i comuni potranno davvero far fronte alla calamità sentendosi sostenuti da scelte politiche e governative davvero attente al territorio”.

Fonte: www.venetoinfo.it