News Pigozzo, Sinigaglia e Zottis (PD): “Veneto Promozione, due strade per salvaguardare i lavoratori e la loro professionalità. La Regione chieda ai liquidatori di slittare il termine del 21 settembre”

Pigozzo, Sinigaglia e Zottis (PD): “Veneto Promozione, due strade per salvaguardare i lavoratori e la loro professionalità. La Regione chieda ai liquidatori di slittare il termine del 21 settembre”

(Arv) Venezia 12 set. 2017 – “I lavoratori di Veneto Promozione vengano assorbiti da Veneto Innovazione oppure si prosegua nel progetto di collaborazione con le Camere di Commercio. L’importante è salvaguardare la loro professionalità, per questo chiediamo ai liquidatori di far slittare il termine ultimo del 21 settembre, in modo da trovare una soluzione stabile”. L’appello arriva consiglieri del Partito Democratico Bruno Pigozzo, Claudio Sinigaglia e Francesca Zottis al termine dell’incontro con i rappresentanti dell’ente partecipato dalla Regione, nato nel 2011 e in fase di smantellamento. “Veneto Promozione rappresentava un’eccellenza a sostegno delle attività all’estero delle aziende del territorio, non era certo un carrozzone. Abbiamo chiesto di valutare due ipotesi: l’inserimento dei lavoratori un Veneto Innovazione a cui sono state trasferite parte delle competenze o il progetto di collaborazione con le Camere di Commercio. La Regione deve però pretendere di verificare immediatamente la fattibilità dell’operazione. Va accolta la richiesta da parte dei sindacati di effettuare da subito un incontro tra rappresentanti di Veneto Promozione, Regione e Camere di Commercio per costruire un piano industriale solido e lungimirante che consenta di salvaguardare i posti di lavoro”.

“Il tempo a disposizione tuttavia non è molto – avvertono i tre esponenti dem – Prendiamo atto positivamente dell’impegno politico e finanziario di Forcolin e Caner, adesso però bisogna dare gambe forti, come progetto e come finanza a medio e lungo termine. Ci rivolgiamo quindi all’Ufficio di presidenza affinché richieda ai liquidatori di Veneto Promozione di prorogare il termine del 21 settembre, per arrivare a una soluzione positiva. E su questo, come è nostro dovere, vigileremo”.

Fonte: www.consiglioveneto.it