News Piano rifiuti: determinante l’azione migliorativa del PD che ha superato l’inerzia di Zaia

Piano rifiuti: determinante l’azione migliorativa del PD che ha superato l’inerzia di Zaia

Relegato agli ultimi istanti della legislatura il Piano Rifiuti del Veneto viene finalmente votato, con i voti determinanti del PD che ha garantito il numero legale, mentre i banchi della ex-maggioranza vengono lasciati mezzi vuoti.

Questo è l’emblema duplice e contrapposto della debolezza politica di Zaia e della determinazione del PD su un tema cruciale per la sicurezza ambientale del Veneto. Abbiamo infatti migliorato il testo con i nostri emendamenti ed evitato con il nostro voto conseguenze pesanti per i costi di gestione, per i danni a seguito delle procedure di infrazione da parte dell’Europa, per il possibile incremento di infiltrazioni illegali nel mercato dei rifiuti, soprattutto per quelli speciali tossico-nocivi.

Di fatto non si potranno realizzare nuovi inceneritori e nuove discariche né ampliare quelle esistenti. Ora gli obiettivi della maggior differenziazione, della gestione corretta dei rifiuti nel rispetto del principio di prossimità, del maggior controllo della filiera, del risparmio energetico con il riutilizzo dei materiali, sono più a portata di mano.

Il PD ha dimostrato anche in questa occasione di lavorare nell’interesse di tutti i veneti e si prepara a governare la regione con Alessandra Moretti presidente.

Bruno Pigozzo consigliere regionale PD