News Enti locali – Pigozzo e Fracasso (PD): “Approvato il Cal: un passo in avanti in favore delle autonomie locali, un’applicazione concreta del principio di sussidiarietà. Territori finalmente protagonisti dei processi decisionali”

Enti locali – Pigozzo e Fracasso (PD): “Approvato il Cal: un passo in avanti in favore delle autonomie locali, un’applicazione concreta del principio di sussidiarietà. Territori finalmente protagonisti dei processi decisionali”

(Arv) Venezia 19 set. 2017 – “Questo è stato il primo progetto di legge che ho presentato a inizio legislatura, finalmente siamo riusciti a istituire il Cal (Consiglio delle Autonomie Locali), previsto dalla Costituzione e dallo Statuto come organo di consultazione tra Regione ed enti locali. Si tratta di una grande opportunità per l’applicazione del principio di sussidiarietà”.

È quanto afferma Bruno Pigozzo, consigliere regionale del Partito Democratico, commentando l’approvazione all’unanimità dei Pdl 48 e 26, di cui era correlatore.

“Purtroppo la Regione arriva buona ultima, a ben cinque anni dall’approvazione del nuovo Statuto; c’è quindi la necessità, oltre che il dovere, di recuperare il tempo perduto. Questo organismo consente un’interlocuzione diretta tra la Regione (sia il Consiglio che la Giunta) e i territori con le loro aspettative, garantendo un intervento delle autonomie locali nei processi decisionali. Oltre a esprimere pareri il Cal potrà fare proposte e dare indirizzi su alcune tematiche che poi potranno essere convertiti in legge se fatti propri dal Consiglio”, spiega il vicepresidente dell’assemblea di Palazzo Ferro Fini, insieme al capogruppo del Pd Stefano Fracasso.

“Tra gli aspetti positivi riguardanti la stesura definitiva della legge, siamo riusciti a stoppare il tentativo di sdoppiare gli organismi, con il Cal che avrebbe fatto riferimento al Consiglio e la vecchia Conferenza delle autonomie locali legata invece alla Giunta; Conferenza che invece cesserà di esistere quando entrerà in funzione il nuovo organismo. Siamo riusciti a trovare una mediazione e così il Cal diventa l’unico referente. Infine – dice ancora Pigozzo – c’è soddisfazione anche per il contenimento dei costi per il suo funzionamento. Le risorse verranno reperite tra quelle già a disposizione del Consiglio regionale e per il primo biennio di applicazione saranno spesi circa 7mila euro invece dei 74mila inizialmente previsti”.

“Finalmente – aggiunge il capogruppo del Partito Democratico Stefano Fracasso – diamo piena attuazione allo Statuto, chiamando i sindaci a contribuire fattivamente al Consiglio”.

Fonte: www.consiglioveneto.it