News Emergenza frane: cambiare il modello di sviluppo
pigozzo

Emergenza frane: cambiare il modello di sviluppo

(Arv) Venezia 5 ago. 2015 – “Sul tema cruciale della tutela del territorio e di una nuova regolamentazione sul consumo di suolo c’è la necessità di raccogliere e mettere a frutto i contributi di tutti. Questa nostra proposta di legge si aggiunge a quella presentata da Zaia ed auspico che si possa fare un lavoro di confronto costruttivo per raggiungere l’obiettivo di una rapida approvazione”.

A dirlo il vice presidente del Consiglio regionale, Bruno Pigozzo. L’esponente democratico è il primo firmatario del progetto di legge ‘Norme per il recupero di suolo all’uso agricolo e ambientale per lo sviluppo sostenibile del Veneto’, sottoscritto da tutti i consiglieri di PD, Gruppo Moretti Presidente e Veneto Civico.

“La nostra proposta – spiega l’esponente democratico – prevede una serie di misure: stop a nuove autorizzazioni che prevedono il consumo di superficie agricola; introduzione di esenzioni e agevolazioni per il recupero del suolo e dell’edificato esistente; adozione da parte della Regione e dei Comuni di un metodo unico di misurazione per consentire il recupero di aree dismesse e liberare maggiori superfici per l’agricoltura e per la valorizzazione dell’ambiente”.

“L’aspetto più innovativo della legge – precisa Pigozzo – sta nel fatto che non fissa alcun contingentamento teorico della superficie edificabile, ma punta a valorizzare con ogni strumento a disposizione, a partire da appositi incentivi anche economici, le aree già edificate e a recuperare quelle abbandonate, favorendo oltretutto il rilancio di alcuni settori in grado di aiutare il Veneto ad uscire dalla crisi. Il tutto – conclude Pigozzo – con un obiettivo irrinunciabile: porre fine ad un modello di sviluppo che non è più sostenibile sia dal punto di vista ambientale, sia economico e che ha quindi assoluta necessità di essere ripensato”.

Fonte: www.consiglioveneto.it