News Ambiente – Pigozzo (PD): “Marzenego-Osellino, approvato Odg PD: spacchettamento dell’opera soluzione migliore per la riqualificazione. Si condivida il progetto con tutti i portatori di interesse”
Zottis_Pigozzo

Ambiente – Pigozzo (PD): “Marzenego-Osellino, approvato Odg PD: spacchettamento dell’opera soluzione migliore per la riqualificazione. Si condivida il progetto con tutti i portatori di interesse”

(Arv) Venezia, 1 ago. 2018 – “Finalmente la riqualificazione ambientale del Marzenego-Osellino non è solo una promessa. Dopo un’attesa lunghissima e un’ampia mobilitazione cittadina del mese scorso, qualcosa si muove, speriamo a partire già da quest’anno”.

Così il Consigliere regionale del Partito Democratico Bruno Pigozzo commenta l’approvazione unanime, all’interno dell’assestamento di bilancio, dell’ordine del giorno che prevede la rimodulazione del progetto per stralci, in modo da renderlo finanziabile e realizzare così in pochi anni l’intera opera. Ordine del giorno di cui l’esponente dem veneziano è primo firmatario. “Siamo soddisfatti per la condivisione politica trasversale e per l’impegno dell’assessore Marcato: lo spacchettamento è la soluzione migliore per mettere fine a una situazione insostenibile. L’accordo di programma tra Regione, Comune, Magistrato alle Acque di Venezia e Consorzio di bonifica Acque risorgive risale ormai al 2006, le risorse erano state solo previste ma non stanziate a bilancio, quindi oggi siamo ancora fermi”.

“Nei giorni scorsi – ricorda Pigozzo – la Giunta ha sbloccato finanziamenti per 22 milioni a valere su fondi della Legge speciale per Venezia e sul Programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale, senza destinare niente però al Marzenego-Osellino, un intervento che da solo ‘pesa’ per 28 milioni. La rimodulazione a stralci è l’unico modo per riuscire ad arrivare alla realizzazione dell’opera. L’assessore Forcolin ha assicurato che si libereranno spazi nel bilancio regionale già per il 2018 e che i primi soldi potrebbero riguardare gli espropri. Adesso lo spacchettamento del progetto venga condiviso con il Comune e i portatori di interesse, in primis associazioni del territorio e comitati di cittadini, in modo che il prossimo anno possa partite la cantierizzazione”.

Fonte: www.consiglioveneto.it